Main Content

Risoluzione approvata all’unanimità: l’Iniziativa delle Alpi chiede il divieto dei trasporti pericolosi sugli assi alpini

Image l’Iniziativa delle Alpi chiede il divieto dei trasporti pericolosi sugli assi alpini
© Iniziativa delle Alpi /Christof Hirtler

Ogni giorno 30-40 camion con merci pericolose transitano dal Passo del Sempione, praticamente senza nessun controllo. Questo è molto rischioso ed è un grave pericolo per le persone e per l’ambiente. L’Iniziativa delle Alpi chiede un divieto dei trasporti di merci pericolose su tutte le strade di transito attraverso le Alpi e ha adottato una risoluzione in questo senso. L’Assemblea dei membri ha inoltre nominato due nuovi membri del Comitato e 16 nuovi componenti del Consiglio delle Alpi.

La situazione al Sempione è un caso particolare: solo qui i camion possono trasportare sostanze velenose e facilmente infiammabili attraverso le Alpi. Al Gottardo, al San Bernardino e al Gran San Bernardo questi trasporti sono vietati. «Un divieto anche al Sempione non sarebbe un problema; come al Gottardo anche qui è disponibile una galleria ferroviaria come alternativa. Inoltre, sia a sud sia a nord del Sempione sono disponibili gli impianti necessari per il trasbordo», ha affermato Jon Pult, Presidente dell’Iniziativa delle Alpi, durante l’Assemblea dei membri, riunita a Olten.

«Terribili incidenti, come quello dell’autocarro carico di acetone nel 2015 a Briga, sono possibili in ogni momento anche in futuro, almeno finché questo tipo di trasporti sarà ancora permesso. Questo non posso accettarlo», ha detto Laurent Seydoux, Membro del Comitato dell’Iniziativa delle Alpi. Punta anche sui controlli: «il 68 per cento dei camion al Sempione proviene dal Vallese o rifornisce questo Cantone. Questi veicoli non passano dal centro di controllo del traffico pesante di Saint-Maurice e questo è inaccettabile».

Un altro problema si pone al Gottardo. Con la costruzione di una seconda galleria stradale è possibile che l’asse del Gottardo in futuro sia aperto per i trasporti di merci pericolose. Infatti, dopo un risanamento, nella galleria del Seelisberg fra Nidwaldo e Uri, dal 2015 sono permessi i trasporti di merci pericolose. Così tutte le gallerie con canne separate per direzione sono ormai aperte per le merci pericolose. Dopo il suo completamento, il Gottardo sarebbe l’unica eccezione. «Il Consiglio federale ha venduto il raddoppio del Gottardo ai votanti con l’argomento della sicurezza. Quindi deve essere garantito che al Gottardo restino vietati i trasporti di merci pericolose anche in futuro», ha affermato Marina Carobbio Guscetti, Vicepresidente dell’Iniziativa delle Alpi e Consigliera nazionale ticinese.

Da anni il Consiglio federale tollera la situazione insostenibile al Sempione e rimanda il divieto, giacché prima vuole far fare un’analisi dei rischi. «Il rischio di incidenti gravi è senz’alcun dubbio dato. Il Consiglio federale può fare molto rapidamente la sua analisi dei rischi», ha detto Jon Pult. I membri dell’Iniziativa delle Alpi hanno approvato la risoluzione senza voti contrari. Essa comprende 7 punti:

  1. Il divieto generale del trasporto di merci pericolose su tutte le strade di transito attraverso le Alpi, in particolare anche sulla strada del Passo del Sempione.
  2. La conferma del divieto del trasporto di merci pericolose al Gottardo, anche dopo la costruzione di una seconda canna della galleria stradale. Deve essere fissato nella legislazione e ancorato nella pubblicazione del progetto.
  3. La realizzazione di un trasbordo di autocarri su ferrovia fra la valle del Rodano e Domodossola, il ricorso agli impianti di trasbordo esistenti a Visp o Monthey nonché nel nord dell’Italia. La galleria ferroviaria del Sempione è adatta per questi trasporti.
  4. La rapida realizzazione dell’analisi dei rischi per il Sempione, come promesso dal Consiglio federale.
  5. Il divieto generale del trasporto di merci particolarmente pericolose. Queste merci devono essere prodotte localmente oppure sostituite.
  6. L’intensificazione dei controlli del traffico pesante, in particolare anche nei tratti con forte volume di merci pericolose. Costruzione di un centro di controllo direttamente sulla strada del Passo del Sempione.
  7. La pubblicazione annuale delle statistiche sui controlli del traffico pesante.

 
Risoluzione dell’Iniziativa delle Alpi

Elezioni

Inoltre, i membri dell’Iniziativa delle Alpi hanno eletto due nuovi membri nel Comitato: Pietro Gianolli, già sindacalista ferroviario e da molti anni membro del Consiglio delle Alpi, nonché Manuel Herrmann, che lascia il segretariato dell’Iniziativa delle Alpi, ma resterà a disposizione del Comitato con le sue conoscenze ed esperienze.

L’Assemblea annuale ha anche nominato 16 nuovi membri del Consiglio delle Alpi, che difendono le posizioni dell’associazione a livello locale e la consigliano strategicamente. Fra i nuovi Consiglieri delle Alpi figura anche Michael Töngi di Kriens LU, che è recentemente subentrato nel Consiglio nazionale.

I nuovi eletti sono:

Comitato:

  • Pietro Gianolli, Salorino TI
  • Manuel Herrmann, Winterthur


Consiglio delle Alpi:

  • Claudia Alpiger, Gamsen VS
  • Tobias Arnold, Altdorf UR
  • Marius Basty, Losanna VD
  • Sinue Bernasconi, Tremona TI
  • Greta Gysin, Zurigo
  • Felix Hoesch, Zurigo
  • Laurent-David Jospin, La Chaux-de-Fonds NE
  • Nina Marty, Altdorf UR
  • Sebastian Moos, Berna
  • Jonathan Prelicz, Arth SZ
  • Filippo Rivola, Losanna VD
  • Elena Strozzi, Friborgo
  • Michael Töngi, Kriens LU
  • Daniela Walker, Urdorf ZH
  • Barbara Wülser, Malans GR
  • Barbara Zollinger, Zurigo

Contatti:

  • Jon Pult, Presidente dell’Iniziativa delle Alpi, 076 508 16 33
  • Marina Carobbio Guscetti, Vicepresidente dell’IdA, Consigliera nazionale TI, 079 214 61 78
  • Laurent Seydoux, Membro del Comitato, Ginevra, 079 203 74 05
  • Lucia Lauener-Zwyer, Direttrice dell’Iniziativa delle Alpi, 076 582 83 63

Iniziativa delle Alpi

L'Iniziativa delle Alpi (iniziativa da las alps in romancio) è un'associazione svizzera per la protezione delle Alpi. Creata alla fine degli anni '80, vuole contenere la crescita del traffico pesante e trasferire il transito delle merci su ferrovia. Questi provvedimenti dovrebbero permettere di preservare l'unicità del territorio alpino. L'iniziativa "Per la protezione delle regioni alpine contro il traffico di transito" è stata accettata in votazione popolare il 20 febbraio 1994.

Iniziativa delle Alpi
Hellgasse 23
CH-6460 Altdorf
Tel. +41 41 870 97 81
info@iniziativa-delle-alpi.ch

CCP: 19-6246-9